Il Cristo morto di Offida

La processione del Cristo Morto in Offida affonda le sue origini nel 1770, quando la Confraternita dei SS. Cuori di Gesù e Maria, fondata da devoti benestanti della cittadina, acquista la chiesa di San Giovanni, oggi dell’Addolorata, e assume solennemente l’impegno di svolgere la processione ogni anno nel giorno di venerdì santo.

DSC_0623 DSC_0621  DSC_0614 DSC_0652

Il grande carro con baldacchino, chiamato da sempre “la bara”, che oggi trasporta il Cristo per le vie di Offida, è del 1870 ed è straordinaria opera di artigiani locali. In particolare, i ricami in argento sul drappo nero furono eseguiti dalle monache benedettine e da alcune tra le più abili signore del luogo. Il carro, che sostituì la precedente inadeguata lettiga, fu progettato da Alcide Allevi e le decorazioni furono eseguite dall’ascolano Lorenzo Mancini. Furono necessari quasi due anni di lavoro ed alla fine il costo superò le duemila lire.

DSC_0672 DSC_0712 DSC_0691 DSC_0732

La bara viene mossa su ruote da 6 uomini alloggiati all’interno che, durante la processione per le vie della cittadina, seguono la linea nera appositamente disegnata sulla strada.

DSC_0569 DSC_0804 DSC_0754 DSC_0656

La processione è ancora oggi un appuntamento immancabile per la cittadinanza che, dalle 20,30, segue il carro in religioso silenzio, accompagnata dalle note funebri della banda Città di Offida.

DSC_0710 DSC_0679 DSC_0795 DSC_0781

cristo morto pano 1 offida pano 1

 

Autore dell'articolo: Webmaster