Un teatro da diecimila posti

Favorire  la produzione lirica da parte dei teatri marchigiani e l’utilizzo delle risorse artistiche e tecniche regionali, favorire la compatibilità economica delle attività liriche con le risorse disponibili, valorizzare le coproduzioni e la circuitazione, mantenendo alta la qualità delle produzioni nel rispetto dei parametri ministeriali: con questi obiettivi si è costituita la Rete Lirica delle Marche, un sistema regionale a sostegno dei teatri di lirica ordinaria, composta in prima istanza dai teatri di Ascoli Piceno, Fano, Fermo e dalla Fondazione Orchestra Regionale delle Marche, supportata ed agevolata dal Teatro di tradizione di Macerata e dal Rossini Opera Festival.

La Rete rappresenta il primo caso italiano di sistema tra teatri che svolgono attività di lirica ordinaria ed è un virtuoso esempio di collaborazione tra questi ed i Teatri di tradizione (Macerata) i Festival (Rof) e le Concertistiche Orchestrali italiane (Form). Ai soggetti firmatari se ne potranno aggiungere in futuro altri fino a ricomprendere l’intero panorama marchigiano.

La Rete dei Teatri di lirica ordinaria (Tlo), prevede una fase sperimentale di prima attuazione della durata di tre anni. I teatri si impegnano a realizzare, nel triennio 2015-2017, alcune attività di circuito: la coproduzione di due titoli d’opera nel periodo gennaio-marzo di ogni anno, ospitando almeno una anteprima e una recita per ciascun titolo d’opera; l’eventuale coproduzione di un titolo d’opera nel periodo ottobre-dicembre, volto ad ampliare la rete verso le regioni limitrofe, in particolare Abruzzo e Umbria;  l’eventuale ospitalità di produzioni estive provenienti dal Teatro di Tradizione anche riadattate in forma semiscenica o di concerto.

La Rete ha individuato nella Fondazione Orchestra Regionale delle Marche  la naturale orchestra di riferimento del circuito marchigiano ma punta, anche in questo caso, ad allargare il coinvolgimento agli altri organici artistici di qualità che operano nella regione.

 

Autore dell'articolo: Redazione